Facebook
L'Emilia Romagna in rima e in prosa

 



Disegno di G. Rinaldi

Mrs d campagna

IL, l rssa ed cav, lta, un bēl fst
ed cuntadina, cn di b dint bianch,
tta spal, tta stmegh, tta fianch,
e sinza rufiansm ed stpa e d-bst.
L, l un pēz ed viln, ngher, rubst,
cn na schina, przio, li stass dun banch,
i c pcol, du sbafitt che-n s-vden gnanch,
m di nrev di nrv ch pren sst !
I stan dli r l, a sdr in-t un cantun,
l al fma, l l atinta a fēres vint
e i-n disn na parōla ch dga d;
fin ch a un zrt pnt, l, dndes un gran tōn
ed segretza, al se-gh f arint arint
e al gh dś: - u dman basra a tach i b -.

Oliviero Baccarini Leonelli (Grll), 1864/1899.
In G. C. Montanari, Considerazioni sullantica lingua modenese,
Athena ed., MO, 12; p.99, 100.

Fidanzati di campagna / Lei rossa di capelli, alta, un bel fusto / di contadina, con bei denti bianchi,/ tutta spalle, tutta petto, tutta fianchi, / e senza inganno di stoppa e busto. / Lui un pezzo di contadino, nero, robusto, / con una schiena, per zio (eufem. per perdio), uguale a un banco, / gli occhi piccoli, due baffetti che neanche si vedono, / ma dei nervi dei nervi che sembrano molle ! / Stanno delle ore l, a sedere in un angolo, / lui fuma, lei intenta a farsi vento / e non dicono una parola una che una; / finch a un certo punto, lui, dandosi un gran tono / di segreta intimit, le si fa vicino vicino / e le dice: - Ehi domani pomeriggio attacco i buoi - .