Facebook
Angolo poetico dialettale

 

Mama

Com t’ier bela, mama, cla matina,
con i cavì mulà lungh a la schina.

Ta t’ier livà prest cl’era ancora scur,
la fiama dal fogh la baleva sul mur.

Mi con la divisa, dies dì ancora
e finiva al suldà, fin su la strada ta m-ha cumpagnà.

Po ta m-ha guardà in t’oc tgnèndam par man.
In presia t-ha dit: «chisà se a-gh sarò anch adman».

Chi pseva pinsar che da li un dì,
ta-n fus stada più chì.

Sol dopa as capis che a qualcun l’è dà a capir, quand al dev murir.

Com t’ier bela mama con i cavì mulà lungh a la schina,
culurà dal fogh ad prima matina.

21-4-1975
Fabio Meloncelli (Dialetto di Finale E. MO)

Trad.: Mamma// Come eri bella, mamma, quella mattina, con i capelli sciolti lungo la schiena./ Ti eri alzata presto che era ancora scuro,/ la fiamma del focolare danzava sul muro./ Io con la divisa, dieci giorni ancora/ e avrei finito il [servizio] militare, fin sulla strada mi accompagnasti./ Poi mi hai guardato negli occhi tenendomi per mano./ In fretta hai detto: «Chissà se ci sarò anche domani»./ Chi poteva pensare che da lì a un giorno,/ tu non fossi stata più qui./ Soltanto dopo si capisce che a qualcuno è dato conoscere quando deve morire./ Come eri bella, mamma, con i capelli sciolti lungo la schiena,/ colorati dal [riflesso del] fuoco di prima mattina.