Facebook
Angolo poetico dialettale

 

Nebbia novembrina - Foto di Lorenzo (fotografo di Redazione)


L'aldil

La za la stva ml,
l'ira ricoverda al sbdl,
al dutr l'ira gnu a dr
ch'la stva par murr.
In dla stnzia ira cn la,
par frag cunpagna,
l'un cima con la man
e l'un ds pin pin:
T at se che m a sn ad cśa,
che a crd in dl'aldil,
ma adsa m a-t vj dr
che an briśa pra ad murr,
i- pra ad catr mi mar,
e fr ladl, la stsa vta
ch' ai- ft ch d z.

(Nerina Ardizzoni. Dialetto di Renazzo di Cento FE)

L'aldil

La zia stava male,
era ricoverata in ospedale,
il dottore ci era venuto a dire
che stava per morire.
Ero con lei nella stanza,
per farle compagnia,
mi chiama con la mano
e mi dice piano piano:
Tu sai che io ho fede,
che credo nell'aldil,
ma adesso ti voglio dire
che non ho paura di morire,
ho paura di ritrovare mio marito
e far nell'aldil, la stessa vita
che ho fatto di qua.

(Traduz. di Nerina Ardizzoni)