Facebook
Angolo poetico dialettale

 

Ist

L' un chld ch' an d brjsa respr,
in pjza sl la cʃa e al canpanl,
insn par strda,
tt a fer gabanla.
Un can gra intrn a la funtna;
in custra 'na luʃrta snza cva
la s'prla indra, a guardr.
L' bla, l'ist,
in canpagna la tra la scta,
la frta la madurs,
at p fer al bgn in dal mr...
T 'aspet al frsch, a la sra,
par fr un gr,
par salutr i amigh,
par tr un zl,
par fer d cicar...,
pch pr al zinzl,
c'al pzghan e t' an se ind str.
Ma al zl t'invida a guardr lna e strl,
-nch al br l' bl-
e da luntn grl e ranc
it fn luʃar i uc.

Nerina Ardizzoni (dialetto di Renazzo di Cento)

Trad.: Estate// un caldo che non d tregua,/ in piazza solo la chiesa e il campanile,/ nessuno per strada,/ tutti a fare la pennichella./ Un cane gira attorno alla fontana;/ una lucertola, senza coda,/ volta indietro la testa, a guardare./ bella l'estate,/ in campagna la terra scotta,/ la frutta matura,/ puoi fare il bagno nel mare / aspetti il fresco di sera,/ per fare un giro,/ per salutare gli amici,/ per prendere un gelato,/ per fare due chiacchiere...,/ peccato per le zanzare,/ che pizzicano e non sai dove stare./ Ma il cielo ti invita a guardare luna e stelle,/ -anche l'oscurit bella-/ e da lontano grilli e ranocchi/ ti fanno luccicare gli occhi.