Facebook
Home

AGOSTO

Battistero di Parma - Ciclo dei mesi di Antelami
Agosto. Un falegname sta preparando una botte.

 
Nel mese di agosto, almeno nella prima parte, l’afa estiva continuava a non dare tregua ai contadini e agli altri lavoratori dei campi. Terminati i pesanti lavori legati al frumento, iniziava la raccolta del granturco, fondamentale per l’alimentazione contadina. Conclusa la raccolta delle pannocchie mature, si eseguiva la spannocchiatura (spanuciarìa) per togliere le brattee esterne alle pannocchie. L’operazione veniva eseguita a mano, in compagnia dei vicini di casa e degli amici, fra scherzi e risate. Terminata tutta la lavorazione si cantava e si ballava sull’aia alla luce delle lanterne o della luna di agosto.
Le brattee più belle venivano messe da parte e usate per riempire i materassi (paiôun), mentre le pannocchie nei giorni successivi venivano poi sgranate o a mano o con una apposita macchina azionata con la forza manuale. I tutoli delle pannocchie venivano usati come combustibile e gli scarti delle foglie come strame per gli animali.
Intanto nei poderi dotati di macero proseguiva la macerazione della canapa, per sciogliere la parte legnosa dello stelo e far uscire la fibra tessile contenuta. L’aria era ammorbata dal fetore della canapa che stava macerando nell’acqua del macero, ma nessuno si lamentava: la canapa era molto richiesta e peraltro redditizia. Sempre in agosto le rezdôre continuavano a trasformare frutta e verdura in conserve e marmellate, per farne scorta in vista dell’inverno che sarebbe ritornato.














Galleria di disegni sul folclore contadino Acquerello di vino Pittura&dintorni - portale dell'Arte Stilweb - Realizzazione siti Internet