Facebook
Home

Gennaio




Gennaio segnava l’inizio del nuovo anno ed era rappresentato nei calendari delle cucine contadine come un bambino che sostituiva l’anno vecchio, raffigurato come un vecchierello che si allontanava tristemente.
I contadini trascorrevano le serate nelle stalle riscaldate dal calore degli animali, poiché gennaio era il mese più freddo di tutto l’inverno.
Nelle stalle più grandi venivano invitati i vicini e gli amici e si stava in allegra compagnia, infatti “andēr a vacc”, cioè fare le ore piccole a veglia piaceva a tutti. Qui si raccontavano storie e storielle, si beveva vinello, si giocava a carte, mentre le donne filavano e i bambini ascoltavano incantati i racconti dei favolai. Durante quelle serate d’inverno si consolidavano i rapporti di buon vicinato, di amicizia e spesso nascevano storie d’amore fra i giovani che si incontravano in quelle occasioni. Non per niente le stalle più frequentate dai giovani erano quelle in cui c’erano belle ragazze in età da marito.








Galleria di disegni sul folclore contadino Acquerello di vino Pittura&dintorni - portale dell'Arte Stilweb - Realizzazione siti Internet